Vorrei ma non posso! 2


Vorrei ma non posso!”

 

Quante volte avete sentito dire vorrei ma non posso?

Immagino molte...e quante volte ve lo siete detto?

 

Vorrei ma non posso è una possibilità seguita da una negazione (il ma), un'affermazione che, a mio avviso, denota un'evidente insicurezza e mancanza di controllo.

Durante la mia crescita nelle arti marziali, ho imparato che se nella tua vita porti avanti le incertezze, non potrai fare altro che proiettarti in una marea di dubbi!

Quando saliamo sul ring, quando portiamo un colpo, ma del resto anche quando proviamo un'emozione o pensiamo, non è ammissibile compiere queste azioni con un sottofondo di incertezza.

Quando siete felici per qualcosa o vincete un match, vi chiedete forse se sia "corretto" provare quel tipo di sensazione?   O forse vi chiedete perché lo siete?

Spero per voi di no, provate quel tipo di emozione e basta!

 

Cosa succede in quell'istante?

 

Avete istintivamente azzerato le voci mentali che in qualche modo generano insicurezze, o, meglio, le domande inutili volte al vostro sabotaggio e state esclusivamente attenzionando quel momento al 100%, ecco perché non c'è spazio per i dubbi!

 

Varcare le corde del ring richiede non solo grande coraggio, ma in particolar modo una concentrazione fuori dal normale: il nostro sistema sensoriale si allerta al massimo, diventando estremamente sensibile ad ogni minima variazione.

Qui la nostra condizione mentale gioca un ruolo fondamentale, al punto da poter determinare l'esito dell'incontro stesso!

La paura di perdere qualcosa o di non riuscire in qualcosa vi porterà ad ottenere SEMPRE quello che non volete!

Meno pensate e meno tempo avete per sabotare un evento;

ma non possiamo smettere di pensare... per lo meno non possiamo farlo sempre!

Possiamo però decidere come pensare e visto che siamo noi a produrre pensieri (vedi articolo "il pensiero"), possiamo decidere con che tipologia di domande stimolare la nostra coscienza, il che risulterà molto importante, se non essenziale!

Ricordate che ad ogni domanda fatta segue o seguirà una risposta (sempre, e molte volte nemmeno ce ne accorgiamo): ergo, se la domanda è intelligente e volta alla nostra evoluzione, la risposta lo sarà altrettanto (in qualsiasi ambito).

Un esempio?

Certo: “come posso vincere per KO alla prima ripresa?”

E' una domanda a senso unico, che non lascia spazio all'osservazione del suo opposto e soprattutto dirige la nostra attenzione verso un'unico obiettivo...e immagino abbiate già capito quale. In questo caso abbiamo due possibilità che determinano l'esito dell'evento: una a nostro favore e una contro, avete semplicemente deciso di predisporvi a poter ispezionare solo una delle due possibilità.  

Diversamente otterrete i risultati mediocri e altalenanti che avete sempre ottenuto.

 

Semplice vero? E' proprio così!

 

Anche nel viver quotidiano, a molte persone capita di attribuire al caso la fortuna riguardo un determinato evento, ad esempio una vincita, come se questa fosse un qualcosa che passa una sola volta come quel famoso treno...

La situazione appare come un qualcosa determinato da fenomeni esterni, a prescindere da quelli che sono i nostri desideri.

Vorrei ma non posso è il classico schema mentale caratterizzato da una sequenza emotiva ben precisa:

constatazione, accettazione, manifestazione e rassegnazione!

E' evidente che serva invertire questo processo mentale ed emotivo, perchè il "vorrei ma non posso", ha soppiantato ogni idea di grandezza e di sogno, per lasciar spazio all'imperfezione e alla fragilità di un essere impotente ed in balia degli eventi.

Siamo molto di più di semplici "pezzi di carne" e non è solo aria ciò che respiriamo: c'è ben altro e rendersene conto è semplicemente un atto dovuto alla nostra dignità di uomini.

Dobbiamo tendere sempre e comunque alla condizione ideale, non al meglio, ma all'ideale, alla perfezione!

 

Dopo tutto quando giocate al super-enalotto non fantasticate su vincite da milioni?

 

Perciò scegliete di soppiantare oggi il "vorrei ma non posso", escludetelo dal vostro lessico e fate il possibile per godervi la vita che avete sempre desiderato, ogni intento contribuirà al raggiungimento di ciò che veramente vorrete realizzare in questa vita!

 

Iniziate a costruire sin da ora il vostro futuro, mettendo da parte il condizionale 😉


Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

2 commenti su “Vorrei ma non posso!